Buongiorno a tutti,quello di cui vi voglio parlare oggi è il ROBOT ASPIRAPOLVERE Philips SmartPro Easy, di cui vi avevo promesso la recensione giorni fa…ECCOLA!


Quando ho saputo di essere stata scelta come tester, inizialmente ero euforica, perchè il prodotto da provare sembrava fantastico, ma anche realmente preoccupata. Perchè?

Facile…perchè io con la tecnologia e l’elettronica in generale, ho un pessimo rapporto, la sola idea di leggere un libretto d’istruzioni mi manda nel panico assoluto, tant’è che il più delle volte ne bypasso la lettura e procedo all’utilizzo…con le ovvie nefaste conseguenze.

Questa volta però è stato diverso: essendo una tester mi sono dovuta impegnare nel mio compito, così mi sono messa di buona volontà a leggere il libretto di istruzioni…sapete una cosa? Non è stato affatto difficile!

Le istruzioni sono semplici e chiare, facili da capire anche per una negata come me! La spiegazione del montaggio e del funzionamento dell’apparecchio è spiegata passo dopo passo e ogni step è corredato da un’immagine chiarificatrice…meglio di così! 


Inoltre nel libretto sono presenti una serie di “note” che spiegano e approfondiscono ogni paragrafo.


Ma procediamo con ordine…

 Nella confezione sono contenuti:

– una docking station (ovvero la “casetta” dell’aspirapolvere, dove torna per ricaricarsi).

– il robot:

-un adattatore.

– un telecomando già provvisto di batterie.

-una spazzolina per la pulizia del robot.

Una delle caratteristiche che subito colpiscono di questo aspirapolvere è il suo essere Extrasottile (5,8cm), tanto che aspira le zone più difficili da raggiungere, come sotto i mobili più bassi, cosa non da poco, dato che in questo modo può aspirare sotto i divani senza costringermi a spostarli!

Il suo sistema di pulizia in 2 fasi permette di catturare polvere e sporco: le spazzole laterali e il sistema di aspirazione rimuovono la sporcizia e la polvere dai pavimenti mentre il filtro di scarico intrappola la polvere e le particelle sottili. A seconda del tipo di stanza, il robot aspirapolvere potrà seguire una o più modalità di pulizia: pulizia a zig-zag, a spirale, a “rimbalzo” o lungo le pareti. Ciascuna modalità è selezionabile dal telecomando, che dispone anche di tasti per il cambiamento manuale della direzione.

È compatto ma potente, infatti ha una potenza di aspirazione di 600 Pa che permette di pulire in modo rapido ed efficace, senza risultare eccessivamente rumoroso.

Una volta finita la sessione di pulizia, rimuovere lo sporco dal robot è semplicissimo, basta tirare la maniglia del coperchio ed estrarre il contenitore della polvere, poi scuoterlo sulla pattumiera per svuotarlo ed eventualmente pulirlo con acqua tiepida.

Altra caratteristica importante è la possibilità di programmare la sessione di pulizia fino a 24 ore prima che si svolga, in modo che il robot possa lavorare anche in nostra assenza!

L’aspirapolvere è dotato del Smart Detection System 2, una combinazione di chip intelligenti, fino a 23 sensori, giroscopio e accelerometro, che rendono automatica la pulizia, al termine della quale ritorna alla docking station. Possiede un filtro EPA12 Ultra Hygiene, che cattura il 99,5% delle particelle sottili di polvere filtrando l’aria di scarico. In questo modo la polvere resta all’interno del contenitore impedendo la contaminazione dell’ambiente. Per finire, la batteria agli ioni di litio permette una durata della sessione di pulizia di 105 minuti.

Personalmente non posso che ritenermi soddisfatta! 

Come ho detto il robot ha una potenza d’aspirazione che lo rende adatto alla pulizia di tutta la casa ed è comodissimo poter pulire sotto i divani senza spostarli! Data la dimensione dell’aspirapolvere il contenitore della polvere potrebbe risultare non è molto capiente, ma basta svuotarlo dopo ogni sessione di pulizia, soprattutto se viene passato in più stanze.

Attenzione anche alla pulizia delle spazzole e dei sensori: vi consiglio di farlo sempre terminata la pulizia, altrimenti il robot potrebbe incepparsi o non funzionare correttamente.

I sensori sono molto sensibili, quindi riesce a “vedere” ed evitare gli ostacoli, ma se la luce non è sufficiente o i sensori sono sporchi, questi tendono a funzionare un po’ meno, mandandolo a sbattere contro ciò che dovrebbe evitare.

Il robot funziona ottimamente su parquet ( provato in casa mia) e sulla porcellana (provato in casa dei miei genitori), ma attenzione ai tappeti: se sono a pelo lungo, o se hanno le frange, meglio controllare come si comporta il robot al primo utilizzo su di essi…perchè potrebbe incastrarsi!

Insomma, io da quando l’ho ricevuto lo uso quasi quotidianamente e posso dedicarmi ad altro mentre lui aspira i pavimenti! Comodo, no?

Vi lascio con le specifiche del prodotto.


A presto!

Annunci